Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.


 

IL GIUDICE CONDANNA UN PAZIENTE AL PAGAMENTO DELLE SPESE PROCESSUALI IN TOTO

 

I problemi medico-legali che affliggono il lavoro dei medici e del personale sanitario in generale sono ormai ben noti, così com’è altresì importante lo spreco di risorse economiche e umane che ne consegue (leggasi: medicina difensiva).
Negli ultimi anni la legislazione corrente (così come alcune sentenze che ne offrono l’interpretazione) ci hanno abituato a una giurisprudenza che, in assenza di norme specifiche per il settore medico e sanitario, spesso è sfavorevole a chi ha della sanità un approccio etico e scientifico.
Il messaggio che in questi anni la SICCH Legal ha cercato di far arrivare alle Autorità è che l’operato dei consulenti, non solo quelli di cui si possano avvalere i Magistrati, ma anche quelli di parte lesa, debba essere il più sereno e oggettivo possibile; questo al fine non solo di offrire al Magistrato gli elementi più precisi e obbiettivabili possibili per un giudizio super partes, ma anche per consigliare al meglio eventuali parti lese sulla possibilità di successo della azione giudiziaria che intendessero intraprendere. Qualora ciò non avvenisse, le conseguenze potrebbero essere non solo a carico del medico, che rischierebbe di essere penalizzato e demotivato nel proprio lavoro, ma anche della parte lesa, che potrebbe essere indotta ad azioni legali con scarse possibilità di successo e con possibili pesanti ripercussioni economiche sulla stessa.
Vogliamo qui riportare un caso accaduto recentemente nel ravennate, dove perizie (e/o pareri preliminari dei periti) non sufficientemente approfondite e/o ponderate potrebbero avere indotto, unitamente all’eventuale parere dei rispettivi legali, i famigliari di un paziente sul quale l’intervento aveva avuto un esito infausto, ad avanzare rivendicazioni processuali che si sarebbero poi rivelate infondate, tanto che la parte lesa non solo non avrebbe avuto ragione in giudizio, ma sarebbe stata anche condannata a sopportare le spese di giudizio (di entità tutt’altro che trascurabile), integralmente e senza alcuna compensazione.
Vogliamo quindi raccontarvi in sintesi che cosa è accaduto recentemente a Ravenna: il 22/12/14 un giornale locale ha riportato la notizia che la vedova di un 55enne è stata condannata dal Tribunale a pagare 80.000,00 euro in refusione delle spese processuali delle controparti e senza compensazione alcuna, perché la consulenza medico-legale disposta dal magistrato ha totalmente contraddetto la consulenza di parte attrice.
Il fatto: otto anni fa un uomo decede per aritmia ventricolare successivamente alla dimissione disposta dalla Ausl di Ravenna; nella lettera di dimissione veniva posta indicazione a impianto di defibrillatore impiantabile a causa di una cardiomiopatia dilatativa che il paziente aveva altresì rifiutato. Tale lettera di dimissione conteneva d’altro canto delle imprecisioni sull’entità della coronaropatia del paziente. A questo punto la vedova, ex infermiera, intentava causa contro la AUSL e il medico curante, forte del fatto che le consulenze medico-legali di parte individuavano uno specifico nesso di causalità tra la coronaropatia e la morte per aritmia.
Dopo 8 lunghi anni di processo, e dopo la perizia di un emodinamista di fama internazionale, il CTU, pur riconoscendo l’esistenza dell’imprecisione di cui alla lettera di dimissioni, escludeva ogni profilo di errore medico, dal momento che le lesioni coronariche in questione non avevano indicazione ad alcun trattamento interventistico o chirurgico; e questo portava alla assoluzione degli imputati e al pagamento delle cospicue spese di giudizio, cospicue in quanto si trattava di pagare anche le spese processuali della controparte (AUSL e medico).
Questo caso ci porta ad alcune brevi considerazioni sulla sempre maggiore necessità che vi siano, non solo a livello di consulenti tecnici del magistrato, ma anche a livello dei consulenti di parte, persone di comprovata capacità professionale e serietà etica che possano dedicare tali qualità all’accertamento giudiziale dei fatti, in modo tale da contribuire a rendere la verità processuale sempre più vicina a quella reale; In tal modo si potrà evitare di affermare “verità” e/o di intraprendere iniziative delicate e costose sia sotto il profilo mano che economico sulla base di pareri non equilibrati e tali da poter contribuire a portare danni estremamente ingenti a tutti i livelli, non ultimo quello delle parti lese.
Nel caso in questione, riteniamo invece che si siano verificati più eventi drammatici: da una parte il medico e l’AUSL sono stati costretti ad attendere 8 lunghi anni prima di conoscere la propria sorte e, nel caso del medico, è stato anche costretto ad anticipare le spese legali per la propria difesa, con il rischio concreto di subire, nelle more, la disdetta contrattuale della propria Compagnia assicurativa; per converso, e ancor peggio, una vedova con prole, costretta a pagare – senza averne la possibilità - le ingenti spese di una lite nella – errata - convinzione della sua fondatezza a causa di un supporto tecnico giuridico quantomeno incompleto o non sufficientemente approfondito.
Nessuno di noi ha mai sostenuto che il medico sia infallibile e che il paziente debba tributargli una fede incrollabile; quel che però è certo è che lo stato delle cose va riveduto e corretto senz’altri indugi: non possiamo accettare che un medico debba attendere mesi per poter conoscere la sua sorte e che la sua sorte – così come quella delle altre parti - debba magari dipendere da consulenze il cui livello non sia in alcun modo misurabile e apprezzabile preventivamente da parte delle stesse Autorità che richiedono l’accertamento e che non hanno gli strumenti necessari per valutare l’affidabilità etica e professionale dei propri consulenti.
 

Marco Pagliaro
TASK FORCE MEDICO-LEGALE SICCH


Scarica il testo completo (.PDF)